Giurie 2014

GIURIA 2a EDIZIONE CFF

Presidente di giuria

Beatrice FiorentinoBeatrice Fiorentino:
Filmologa, critico cinematografico, scrive per la pagina di Cultura e Spettacoli del quotidiano “Il Piccolo”, per la rivista “Artribune” e altre testate on-line.
Dal 2006 insegna “Linguaggio cinematografico e audiovisivo” all’Università del Litorale di Capodistria.
Collabora stabilmente con il Festival i1000(o)cchi di Trieste e con altri festival, rassegne o eventi legati al cinema.

Profili dei giurati

alberto-fasuloAlberto Fasulo:
Dopo il corso di laurea in filosofia presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, decide di trasferirsi a Roma per iniziare la sua carriera nel cinema. Inizia questo suo percorso come assistente alla regia, in documentari e film di finzione; e dopo sette anni decide di produrre il suo primo lungometraggio, “Rumore bianco”, prodotto e distribuito nel 2008. Si tratta di un’opera cinematografica che ha radici profonde nelle origini del regista e che si sviluppa come una vasta riscoperta delle tradizioni e dell’universo naturale che è il Tagliamento, in stretto collegamento con la natura europea del fiume. Nel 2013 vince il Marc’Aurelio d’Oro per il miglior film al Festival internazionale del film di Roma con il film “Tir”, storia di un ex professore croato che per guadagnare di più decide di lavorare per una ditta italiana come camionista, lavoro alienante, ma sarà l’ostinazione, l’efficienza e la buona volontà del protagonista a rendere avvincente la pellicola, che parla del paradigma che ormai il lavoro non nobilita l’uomo ma lo avvilisce.

Lorenzo BianchiniLorenzo Bianchini:
Vive e lavora a Udine. È considerato un importante esponente della scena cinematografica indipendente.
Debutta come regista di lungometraggi nel 2001 con “Lidrîs cuadrade di trê” (Radice quadrata di tre), horror low budget in lingua friulana. Girato in digitale a costi stracciati, è ambientato nei sotterranei dell’Istituto Tecnico Industriale A. Malignani di Udine
Segue nel 2004 l’horror di atmosfera “Custodes Bestiae”, secondo lungometraggio ancora in digitale che ottiene un piccolo finanziamento dagli enti locali di Udine, girato in luoghi suggestivi, come il mercato dell’antiquariato di Aquileia, la Biblioteca Arcivescovile, Villa Manin e i sotterranei del Forte di Osoppo. Primo premio al ToHorror Film Festival di Torino.
Nel 2013 torna a produrre in prima persona in occasione del suo quinto lungometraggio: “Oltre il Guado” (Across The River), girato tra i boschi di Monteprato e il centro antico di Topolò, vincitore di numerosi premi in tutto il mondo.
Bianchini è considerato un regista di culto per gli appassionati del cinema dell’orrore. Il suo stile attinge al cinema di genere, caro al primo Pupi Avati, soprattutto nella dimensione del provincialismo e nell’uso del dialetto, spunto per registi come Dario Argento, Lucio Fulci, Sergio Stivaletti, Michele Soavi, Lamberto Bava e cifra per l’antesignano Mario Bava negli anni sessanta.

GIURIA PREMIO GONDRY 2014

Presidente di giuria

PolettoMichele Poletto:
Musicista e promoter, già cantante dei So Fuckin’ What, gruppo originario dei musicisti di Elisa, attuale leader dei Playa Desnuda,
Da oltre 20 anni si esibisce come musicista e DJ, occupandosi anche dell’organizzazione di eventi e di promozione culturale.
Eclettico e versatile, si è confrontato con ogni genere musicale, dal pianobar alla techno, suonando accanto a nomi importanti come Daniele Silvestri, Elisa e Jovanotti.

Profili dei giurati

SeravalleAlessandro Seravalle:
si è laureato in filosofia con una tesi su Emil Cioran e da oltre vent’anni è attivo sulla scena musicale come compositore ed esecutore. Alcune sue composizioni sono state presentate in due diverse edizioni del Festival di musica contemporanea Luigi Nono di Trieste.
Leader del gruppo Garden Wall, con cui ha finora pubblicato otto dischi, si definisce “orgogliosamente autodidatta”. La lotta contro ogni forma di cliché artistico è la cifra della sua ricerca espressiva.

MarianiMario Mariani: